Blogger: chi è, cosa fa, guadagna davvero?

blogger-chi-è-cosa-fa facile web marketing nicola onida

Condividi l'articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Mamma io sono un blogger, tu non puoi capirmi!

Hai già sentito questa frase? Magari l’hai pronunciata tu stesso o ti è stata spiattellata in faccia in maniera anche un po’ brutale.

E ripensandoci, sei ancora lì che ti chiedi “Ma cosa mai vorrà dire blogger?!”.

blogger chi è nicola onida facile web marketing
Tipica espressione di un blogger quando spiega il suo lavoro alla mamma
Foto: CiakClub

Sei nel posto giusto per scoprirlo! Ecco di cosa voglio parlarti oggi:

Chi è il blogger

La risposta potrebbe sembrare molto semplice:

Il blogger è colui che scrive su un blog.

Sì vabbè, così è troppo semplice! Starai protestando.

Tecnicamente è così, l’autore di un blog è definito blogger. Ma per essere precisi, non basta scrivere per un blog: il blogger è anche responsabile della piattaforma in cui pubblica. Che si tratti di un CMS o di qualsiasi altro tipo di sito web.

Quindi la tua seconda domanda è:

Che cos’è un blog?

Il blog è un tipo di sito web, o una sezione interna al sito, i cui contenuti sono pubblicati e visualizzati come se fossero delle pagine di diario. O una raccolta di informazioni sotto forma di articolo o comunicato.

Su una pagina blog troverai sempre (nel 90% dei casi) il nome di un autore e la data di pubblicazione.

Un particolare tipo di sito web in cui i contenuti vengono visualizzati in forma anti-cronologica (dal più recente al più lontano nel tempo). In genere il blog è gestito da uno o più blogger che pubblicano, più o meno periodicamente, contenuti multimediali, in forma testuale o in forma di post, concetto assimilabile o avvicinabile a un articolo di giornale.

Wikipedia

Dal punto di vista comunicativo, il blog è una straordinaria opportunità: tutti noi possiamo condividere idee, opinioni e conoscenze con chiunque vogliamo. Qualsiasi esperienza un essere umano o una organizzazione voglia rendere accessibile in rete, con un blog si può!

Le particolari caratteristiche di un blog, lo rendono un sito web predisposto alla condivisione di punti di vista e al dibattito aperto.

Fatta eccezione per quei blog che, per scelte strategiche o di business, si rivolgono a un pubblico riservato. Come ad esempio le comunicazioni pubblicate su aree riservate o intranet.

Potrebbe suonare strano, ma esistono blogger che scelgono di scrivere per il puro piacere e non per interesse commerciale o per fare digital marketing.

D’altronde lo scopo originario di un blogger era proprio questo: nel 1994, uno studente universitario di Chicago, Justin Hall, iniziò a raccontare i suoi pensieri personali su un sito web da lui stesso creato, www.links.net. Quello che è considerato il primo diario web-based.


Omaggio blog coaching Nicola Onida guida Blog Post

Perché il mio blog non cresce?
Ti offro consigli pratici e soluzioni semplici da applicare al tuo blog o al tuo sito web.
SCOPRI IL MIO BLOG COACHING
In omaggio la guida Blog Post Ottimizzato in tempo Zero


Che cosa significa essere un blogger professionista

Distinguere tra un blogger professionista e chi scrive su un blog per hobby è fondamentale. Soprattutto perché oggi è sempre più facile scrivere per il web (almeno dal punto di vista tecnico) e aprire un nuovo blog.

Blogger ProfessionistaBlogger per passione
Il business ruota attorno al blogNon lo fa per guadagnare
Organizzato per creare contenuti in maniera costanteScrive per piacere, passatempo o diletto
Coltiva relazioni commerciali per il blogNon è necessariamente interessato ad avere un seguito
In genere, ha visione imprenditorialePuò farlo chiunque

Man mano che piattaforme gratuite come WordPress.com (vedi approfondimento sotto), Tumblr e Medium diventano più popolari, sempre più persone decidono di pubblicare i loro articoli online.

Ma solo il fatto di pubblicare online, non è sufficiente per essere un blogger (e farlo con successo).

Stai leggendo questo articolo per diventare famoso/a o per dare vita ad una tua attività online?

La tua risposta potrebbe avere lo stesso obiettivo finale: monetizzare con un blog!

Creare un blog di successo significa dar vita a una piattaforma sul web capace di generare dei profitti.

Sia in maniera DIRETTA, come le vendite da e-commerce, oppure in maniera INDIRETTA, ad esempio con tecniche di lead generation o programmi di affiliate marketing.

Come far crescere un blog sul web?

Sostanzialmente ci sono due macro strategie che un blogger può applicare per far crescere il suo sito web:

  1. La via più breve ma incerta
  2. La strada più lunga ma sicura

Non dico che una delle due strategie sia più EFFICACE dell’altra.

La prima comporta un budget da investire, allocato sui canali giusti e con le corrette tecniche di comunicazione digitale.

La seconda, potrebbe anche essere fatta a un costo prossimo allo zero, o per lo meno nettamente inferiore ai budget per sponsorizzazioni. E portare risultati decisamente più solidi e duraturi nel tempo.

Lo vediamo più avanti, ma intanto parti da un presupposto.

I blog, come tutti i siti web del mondo, crescono per un solo semplice motivo: il traffico di utenti che visitano quelle pagine perché interessati al loro contenuto.

+ UTENTI INTERESSATI AI CONTENUTI = + TRAFFICO SUL BLOG

Ciò significa che un blogger, per emergere e crescere, dovrà essere bravo a proporre i giusti contenuti alla sua nicchia o al suo target di riferimento.

blogger crescita traffico sito web
Questa è la curva di crescita di un blog che ho preso sotto la mia gestione.
Il volume di traffico non è tutto, ma spesso è una metrica molto importante.

Per fare un esempio, è inutile che io continui a parlare di salame ungherese se scrivo per un blog di alimentazione vegana.

Questa è la base, non ti puoi sbagliare. I contenuti vengono prima di tutto. Così come il piano editoriale strategico che guida le scelte di pubblicazione del blogger.

Potresti essere interessato a leggere: Perché un Piano Editoriale efficace ti salva sempre la vita

In base a questo, come fa un blogger a portare traffico sui suoi contenuti?

  • Scrive blog post e pagine web ottimizzate per la SEO.
  • Costruisce una fan base o una community estremamente reattiva su ciò che fa sul web.
  • Acquista sponsorizzazioni, visualizzazioni e traffico sulle principali piattaforme di digital advertising.

Far crescere un blog con la SEO

Questa è la strada principale.

Al giorno d’oggi, se fai il blogger, se porti avanti un progetto editoriale sul web, se curi il blog di un’azienda, non puoi ignorare la scrittura SEO. Ovvero scalare le SERP dei motori di ricerca sul web per posizionarti in testa per specifiche parole chiave.

Qui ho approfondito l’argomento SEO e copywriting: SEO Copywriting, cos’è e perché non puoi farne a meno

blogger traffico SEO o ADV facile web marketing Nicola Onida

Far crescere un blog con il traffico a pagamento

Nel caso del traffico a pagamento, un blogger investe dei soldi affinché uno o più contenuti, siano sottoposti a maggiore esposizione e visualizzazione del pubblico.

L’autore del blog decide quindi di acquistare sponsorizzazioni su Google o sui social come Facebook, Instagram, YouTube, affinché un contenuto (un post, una parola chiave di ricerca o un video) generi visibilità per il blog stesso.

Sarà l’utente a decidere se cliccare sul link che rimanda al blog post. E quindi approfondire l’argomento.

I canali che ha a disposizione un blogger per generare traffico a pagamento oggi sono infiniti:

  • Banner pubblicati del circuito di Google AdSens
  • Acquisire posizionamento in SERP con Google Advertising
  • Investire in inserzioni a pagamento su Facebook, Instagram, YouTube e i social
  • Dedicarsi a programmi di marketing affiliation

Tutti questi (e fidati, ne esistono molti altri) sono metodi per generare volumi di traffico elevati in tempi strettissimi.

Per il semplice motivo che il blogger ACQUISTA il posizionamento del suo blog o sito web. In termini pratici, può essere che un giorno il suo blog registri 1 o 2 visitatori, e il giorno dopo 500, 1.000 o 5.000.

Da un certo punto di vista, scavalchi l’algoritmo di Google (che lavora per assegnare a ogni singolo sito web o blog uno specifico “punteggio di autorevolezza” su un determinato argomento) acquistando un pass diretto per la prima posizione.

Vita da blogger: è tutto rose e fiori?

Al contrario!

Scordati i mega sorrisi da 32 denti con sfondo patinato di Santorini o Miami Beach.

travel blogger chi e cosa fa
Foto Instagram: @catchagypsea

Chi pensa alla vita da blogger, se la immagina come un continuo viaggiare, provare nuove esperienze, testare i nuovi locali alla moda, recensire gli ultimi prodotti di cosmetica o abbigliamento.

Non è così.

Le giornate da blogger saranno anche ricche di m*@!a.

Prima di tutto, devi essere capace di far funzionare il blog e gli articoli che pubblichi. Cosa intendo?

Una volta che hai scritto la tua recensione, hai raccontato il tuo viaggio, hai descritto nei minimi particolari l’ultima console testata in anteprima, sei sicuro che il tuo post è pronto per fare traffico? Parlo di:

  • Struttura logica del contenuto
  • Linguaggio utilizzato
  • Inserimento di una Call to Action adatta
  • Scrittura SEO oriented

Solo una cosa è certa.

Trascorsi pochi mesi dalla messa online del blog, sarà estremamente difficile che tu riceva grandi volumi di traffico.

Sarà molto più probabile trovarsi a contare il numero delle sessioni sulle dita della mano.

Ti sembrerà di fare tanto e di ricevere niente. La motivazione in questa fase è tutto.

Quando ho iniziato a costruire il mio blog, ho adottato una strategia ben precisa: restare focalizzato sul mio obiettivo. Scrivere di ciò che più mi interessava, indipendentemente dalla crescita del traffico.

Avevo bene impresso in mente ciò che volevo perseguire con il mio blog.

Quindi, ti do un consiglio: resta motivato anche nei periodi negativi. Continua a pubblicare i tuoi post anche quando sembra che nessuno li stia leggendo.

Il segreto è quello di continuare a offrire articoli interessanti, approfonditi, ben scritti e ottimizzati.

Cura il tuo blog come se fosse un giardino e vedrai che i risultati arriveranno.

Dovresti prendere spunto da questo libro: Manuale di SEO Gardening, come ho imparato a fare SEO copy

4 ingredienti necessari per fare il blogger:

  1. Motivazione
  2. Costanza di pubblicazione
  3. Voglia di crescere e imparare
  4. Trasparenza

Tutto il resto vien da sé.

Compilazione del form contatti?
Richieste di preventivo?
Acquisti sull’e-commerce?

Ripeto, tutto il resto vien da sé.

Ora ti starai chiedendo:

Come si diventa blogger?

Ancora non esiste una scuola. Ci sto lavorando 🙂

Se non hai ancora trovato il lavoro dei tuoi sogni, puoi sempre creartelo da solo!

Ci sono persone, oggi diventate famose in tutto il mondo, che da un semplice blog hanno tirato fuori una professione. E continuano a guadagnare molti soldi. Si fanno chiamare influencer, content creator, imprenditori.

Qualche esempio?

Arianna Huffington
Rand Fishkin
Chiara Ferragni
Dario Vignali
Andrea Di Rocco

Sono coloro che possono essere definiti “blogger professionisti”. Ovvero hanno fatto del proprio blog la prima fonte di entrata del loro business.

Per diventare blogger professionista, quello che ti serve oggi sono queste semplici cose:

  1. Un PC
  2. Una connessione internet
  3. Una enorme voglia di scrivere (se vuoi, puoi chiamarla passione)
  4. Tanta conoscenza e formazione nel digital marketing

Fare il blogger con WordPress

Oggi WordPress è la piattaforma per fare blogging più diffusa al mondo.

Utilizzata da privati che vogliono raccontare i loro viaggi, dai professionisti che vogliono fare personal branding e dalle aziende che vogliono raccontare i loro prodotti e servizi ai clienti.

  • Il 30% dei siti web più importanti al mondo si appoggia a WordPress
  • Il 39% dei nuovi siti sul web usa WordPress

Perché WordPress è così tanto diffuso?

  • È nato nel 2003, ha un po’ di esperienza in fatto di blog;
  • È semplice da usare e non richiede elevate capacità di programmazione informatica per pubblicare i blog post;
  • È uno strumento talmente diffuso da poter trovare fornitori, professionisti ed esperti che possono risolvere velocemente i problemi con il tuo blog WordPress.

Ma c’è una bella differenza tra WordPress.org e WordPress.com!

WordPress.com è un vero e proprio sito web da cui puoi creare a tua volta un sito o un blog gratis.

In questo caso ti basta creare un account utente per avere il tuo blog gratis in quanto si installa gratuitamente nei server di Automattic, proprietaria della piattaforma.

È un po’ come creare un profilo social: ogni volta che vorrai pubblicare sul tuo blog WordPress.com, dovrai accedere al sito con le tue credenziali e dar sfogo alla tua vena creativa di blogger.

WordPress.org è invece il sito web da cui scarichi gratuitamente il CMS (Content Management System, o gestore di contenuti). In questo caso hai bisogno di un hosting dove poter installare il CMS scaricato.

WordPress.org (self-hosted)WordPress.com (hosted)
software open-source gratuito al 100%servizio commerciale di blogging online
puoi realizzare qualsiasi tipo di sito: blog, sito vetrina, e-commerceversione base del servizio è gratis
devi possedere sia un dominio che un piano di hostinghosting (limitato a 3gb di spazio), manutenzione e backup gratuiti
Nessuna possibilità di installare plugin, caricare temi personalizzati o modificare il codice
Non è possibile installare Google Analytics per monitorare le statistiche

Quale scegliere tra i due tipi di WordPress? Facile!

Vuoi fare del tuo blog una professione o utilizzarlo per fini commerciali?
Senza dubbio WordPress.org!

Con questo tipo di CMS sei in grado di creare una piattaforma per i tuoi articoli e allo stesso tempo strutturare un sito o un e-commerce sullo stesso dominio. Hai molte più possibilità di personalizzazione, tracciamento del traffico utilizzo della piattaforma.

Il taglialegna norvegese che va per i boschi alla ricerca di tronchi da abbattere, secondo te uscirà di casa munito di una scintillante sega elettrica o di un insulso seghetto manuale?

Ricordati che anche per un blogger professionista, gli strumenti sono tutto!


Ti ringrazio per la lettura di questo articolo, ti chiedo solo un ultimo favore!

Ogni volta che mi impegno nella stesura di un blog post, lo faccio per tutti i lettori come te che sono interessati a ricevere utili consigli sul digital marketing.

Ma avere un blog e mantenerlo porta via tanto tempo, per questo la più grande soddisfazione per me è ricevere condivisioni e commenti di critica positiva (e negativa)!

Per questo ti chiedo se puoi condividere l’articolo con la tua opinione al riguardo sui tuoi canali social (anche email, se ti va).

Ti basta copiare la URL e incollarla su Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, ecc. oppure usare le icone social che trovi qui sotto. Se hai domande, sono a tua disposizione per rispondere. Grazie di cuore.

Ti auguro una buona giornata!

Condividi l'articolo se ti è piaciuto:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Nicola Onida

Nicola Onida

SEO Copywriter e Digital Marketing Specialist dal 2014. Appassionato di marketing digitale, social media e comunicazione online. Mi piace scrivere, raccontare storie affascinanti e catturare l'essenza dei fatti. Contattami per una consulenza SEO o di digital marketing!

Lascia un commento

Potresti essere interessato a:

Vuoi far crescere il tuo sito web?

Scopri il servizio di Blog Coaching di Facile Web Marketing.

Stai dimenticando qualcosa?

Guida pratica al Blog Aziendale importanza articolo blog

Scarica GRATIS l’ebook Guida Pratica al Blog Aziendale!
Inserisci la tua email qui sotto per riceverlo subito.