SEO come strategia di marketing digitale. Quanto è importante?

Forse non hai mai considerato la SEO come strategia di marketing digitale.

Molto più spesso di quello che pensi le persone approcciano questo spinoso argomento con circospezione.

Perché?

Molti percepiscono la SEO come qualcosa di misterioso e ingovernabile. “Credo che la SEO sia fumo negli occhi per il mio business“. Questo è quello che la maggior parte delle persone pensa riguardo la SEO.

Un tempo lo pensavo anche io, ma ho dovuto ricredermi.

Perché molti sono diffidenti su SEO e marketing per i motori di ricerca?

È un pensiero che deriva da una cattiva concezione della SEO, spesso percepita come pratica ai confini dell’esoterico.

Anni fa, fare SEO significava escogitare stratagemmi affinché i motori di ricerca posizionassero un certo sito solo perché conteneva una infinita quantità di parole chiave. E oggi non è più così.

seo strategia di marketing serp Nicola Onida digital marketing specialist

Semplicemente, una grossa fetta delle aziende in Italia e nel mondo non è riuscita ad apprezzare totalmente i grossi vantaggi che la SEO come strategia di marketing digitale può portare al business.

Il marketing rivolto all’ottimizzazione delle pagine sui motori di ricerca è capace di genere un flusso di traffico rilevante da lavorare in un secondo momento sulla conversione.

Quindi con ottimi vantaggi in termini di ricavi.


Omaggio blog coaching Nicola Onida guida Blog Post

Perché il mio blog non cresce?
Ti offro consigli pratici e soluzioni semplici da applicare al tuo blog o al tuo sito web.
SCOPRI IL MIO BLOG COACHING
In omaggio la guida Blog Post Ottimizzato in tempo Zero


Provo a spiegarti cosa vuol dire fare SEO

Mettiamola in questo modo: le persone usano i motori di ricerca per trovare contenuti su internet. E le aziende – e anche tu – vogliono rendere il più facile possibile farsi trovare dai loro clienti.

Se guardi le cose da questa prospettiva, l’ottimizzazione per i motori di ricerca è ancora molto importante per la tua strategia digitale.

Quello che ripeto sempre ai miei clienti è che con la SEO smetti di cercare clienti, sono loro che trovano te!

Dovresti leggere assolutamente: Come spiegare la SEO a tuo nonno

Un esempio di SEO dal mondo degli umani

Immagina di possedere un negozio senza segnaletica, senza insegna, o qualcosa che lo caratterizzi.

Alcune persone potrebbero avvicinarsi alla tua vetrina per pura curiosità. Probabilmente ti chiederanno qualcosa di completamente diverso da quello che vendi.

Dare un nome appropriato al tuo negozio, esporre un’insegna del tuo brand o dei prodotti che vendi, far leggere una brochure o un catalogo ai tuoi visitatori faciliterebbe parecchio il tuo business.

Il passaparola inizierebbe a far crescere l’afflusso di persone al tuo negozio e gli affari inizierebbero a girare.

Ripensa al primo scenario. È esattamente la stessa situazione – traslata sul mondo digitale – di un sito web che non è stato sottoposto ad ottimizzazione SEO.

Il secondo scenario è, più o meno, quello in cui si troverebbe un sito web che invece lavora in termini SEO per essere in cima ai risultati di ricerca sul web.

Le vecchie pratiche SEO sono finite

Ciò che si può dire è che la SEO come strategia di marketing digitale è cambiata. I metodi che una volta venivano utilizzati per fare Search Engine Optimization hanno perso il loro potere. Addirittura in alcuni casi sono causa di penalizzazione da parte di Google.

Fino a pochi anni fa, la scalata alle prime posizioni sui motori di ricerca era tutta concentrata sul riempire i siti web con il maggior numero possibile di keywords e ottenere il maggior numero possibile di link in entrata da qualsiasi tipo di fonte esterna.

Come per tutto ciò che viene manipolato in maniera incontrollata, alla lunga questa abitudine ha portato allo sviluppo di alcune pratiche meccaniche (e piuttosto rozze):

  • siti web creati esclusivamente per linkare altri siti;
  • compravendita massiccia e selvaggia di backlink;
  • testi inseriti sui siti web che ignoravano tutte le regole grammaticali e di stile in favore dell’inserimento di più parole chiave possibile.

In poco tempo, il web si è trasformato in un habitat in cui il contenuto di scarsa qualità la faceva da padrone. I motori di ricerca, Google in particolare, hanno cominciato a cambiare le regole di classificazione e l’era del clickbait è finita.

Il nuovo ruolo della SEO come strategia di marketing

Mentre il miglioramento delle posizioni SEO una volta si basa sulla quantità – delle parole chiave e dei link – oggi è tutto imperniato sulla qualità.

Gli algoritmi che regolano gli spider dei motori di ricerca si sono notevolmente evoluti. L’attenzione è ora focalizzata sul garantire che il contenuto con la più alta qualità sia ricompensato con le prime posizioni nella ricerca.

Se c’è un trucco, è quello di convincere crawler e spider che il tuo contenuto ha la qualità più alta!

Per un utente umano, ciò che giudichiamo essere un buon contenuto è in gran parte basato su un insieme molto complesso e sfumato di assunti e aspettative, molti dei quali giudicati intuitivi o più o meno soggettivi.

Pubblicando contenuti che mostrino alle persone che hai capito i loro problemi e come puoi risolverli, costruisci credibilità.

Ardath Albee

SEO come strategia marketing, una SEO più umana

Gli esperti di Google e Bing utilizzano l’intelligenza artificiale e il machine learning in modo che i loro algoritmi possano “capire” che cosa fa di un contenuto un buon contenuto in senso umano. E imitare in questo modo il comportamento della ricerca umana su internet.

Attirare l’attenzione dei bot sul controllo di qualità deve essere il giusto spartito con cui suonare la stessa sinfonia. Essere sulla parte superiore della lista dei risultati di ricerca, rende i tuoi contenuti pertinenti, facili da navigare e facili da digerire a chi li legge.

Questo ha dato alla SEO un maggiore potere rispetto al passato. Un contenuto di qualità, ben scritto e che crea valore per l’utente può generare un’importante quantità di traffico organico.

Ma non è così semplice. Linee guida, aggiornamenti sugli algoritmi, fattori di posizionamento onsite e offsite. La necessità di produrre contenuti web professionali e di alta qualità. Le tendenze più recenti sulla sfida all’ottimizzazione – come la ricerca da mobile e la ricerca vocale. Tutto ciò ha reso più complessa l’attività del SEO specialist.

Se desideri che i tuoi clienti riescano a trovare facilmente il tuo contenuto online, non puoi fare a meno della SEO nella tua strategia di marketing digitale.


Ti ringrazio per la lettura di questo articolo, ti chiedo solo un ultimo favore!

Ogni volta che mi impegno nella stesura di un blog post, lo faccio per tutti i lettori come te che sono interessati a ricevere utili consigli sul digital marketing.

Ma avere un blog e mantenerlo porta via tanto tempo, per questo la più grande soddisfazione per me è ricevere condivisioni e commenti di critica positiva (e negativa)!

Per questo ti chiedo se puoi condividere l’articolo con la tua opinione al riguardo sui tuoi canali social (anche email, se ti va).

Ti basta copiare la URL e incollarla su Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, ecc. oppure usare le icone social che trovi qui sotto. Se hai domande, sono a tua disposizione per rispondere. Grazie di cuore.

Ti auguro una buona giornata!

Ti piace questo post? Condividilo!