Tariffario del copywriter: quanto costa scrivere per vendere?

Il tariffario del copywriter è un po’ come il Sacro Graal. Tanti lo cercano, nessuno lo ha mai visto di persona.

Scoprire quanto costa un copywriter spesso può essere un compito più arduo di quello che toccò ai Cavalieri della Tavola Rotonda.

Tante aziende, imprenditori, professionisti e web agency, hanno provato a capire se esiste uno standard per quotare i lavori di scrittura di testi commerciali.

Alla ricerca del tariffario del copywriter

Se stai leggendo questo post, probabilmente è capitato anche a te.

Hai navigato il web in lungo e in largo alla ricerca di un tariffario per lavori di copywriting. Ma non hai ancora capito quanto costa un copywriter.

Chi ha bisogno di servizi di scrittura, colleziona qua e là preventivi diversi tra loro. Nessuno presenta un prezzo simile per i servizi di copywriting.

50€, 500€, 2.000€ per un articolo? Oppure si chiede di essere pagati per ore di lavoro svolto. E quanto costa un’ora di lavoro del copywriter?

Dannazione, quanto costa un copywriter?!

Calma! Come diceva mia nonna è inutile agitarsi!

Tutto questo è perfettamente normale. Là fuori il mercato dei servizi di scrittura è una vera e propria giungla.

[Breve lezione di Microeconomia]

Spesso chi ha bisogno di un servizio di copywriting (la curva della domanda) non riesce a dare un valore preciso a ciò che chiede – d’altronde è lecito non sapere perché l’intervento di un idraulico vale 150€!

(In qualunque caso vorremmo pagarlo di meno. Mio cugino mi aggiusta gratis la perdita in cucina.)

D’altro canto, chi offre servizi di scrittura (la curva dell’offerta) spesso non esplicita il suo livello di professionalità. Senza giustificare un prezzo alto o basso che sia.

tariffario-del-copywriter-domanda-e-offerta-mercato
Tipico grafico che rappresenta l’equilibrio in un mercato di beni e servizi e del
prezzo determinato dalle curve di domanda e offerta.

Questa si chiama incertezza, e ci si può fare ben poco.

È il mercato, bellezza!

Proviamo a fare chiarezza sul tariffario del copywriter

Esistono un paio di motivi dietro all’ incertezza sul costo dei copy e del perché non è concepibile un tariffario del copywriter.

Non parlo di tecnicismi del mestiere. O per lo meno non solo!

1. Il tariffario del copywriter è illegale

Non ci credi? Ecco qui!

Nel 2011 l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha dichiarato illecita la “Guida remunerazioni e tariffe 2009/2010” per operatori del settore pubblicitario.
Secondo l’Antitrust un tariffario per copywriter costituirebbe un accordo tra professionisti che limita la libera concorrenza nel mercato.

I copywriter, non essendo un ordine professionale, non possono avere un tariffario minimo. Secondo l’Antitrust, autorizzare un tariffario per copy freelance, significherebbe aprire le porte alla guerra dei prezzi al ribasso. Scenario che si sta comunque verificando, ma questa è un’altra storia.

Già questa specificazione legale basterebbe a porre fine alla questione. Ma c’è dell’altro.

2. La scarsa consapevolezza sul valore del lavoro del copywriter

Tante volte sento imprenditori dire “che ci vuole a scrivere due righe di testo?”.
“Chi non è in grado di scrivere qualche parola, basta aver frequentato la prima elementare!”

Ecco questo è il classico esempio di chi chiede un servizio di copywriting ma non conosce il valore di ciò di cui ha bisogno.

Sembra paradossale, ma è così: la mancanza di un tariffario del copywriter è dovuta anche a questo bias cognitivo.

Posso capire questa sensazione.

Quando ritiro la macchina dal meccanico, mi chiedo se i soldi spesi siano valsi la riparazione. Se era solo questione di un misero fusibile o se la cinghia andava cambiata veramente (in quest’ultimo caso è impossibile non accorgersene).

E se anche fosse stato il fusibile, io non sarei stato in grado di sapere quale cambiare. Dove mettere le mani per farlo.

A ognuno la sua competenza, direbbe qualcuno. L’unico modo per capire se un professionista è competente è attendere i risultati – possibilmente non in eterno – e valutarli.

Se la macchina che ho appena ritirato dal meccanico si spegne dopo pochi metri, è difficile non dubitare sulle sue competenze.

Perché è così difficile stilare un tariffario del copywriter?

Già, perché non solo è difficile trovarlo. Il tariffario del copywriter bisogna anche saperlo redigere!

Quando ho iniziato a offrire i miei servizi di copywriting ero tormentato da questa domanda: ma quanto costa un copywriter?

Quanto dovrei far pagare quello che aziende e professionisti mi chiedono di scrivere per il proprio brand? Già allora sapevo bene quanta fatica, studio e lavoro richiedesse un progetto di copywriting.

Non sono stupidaggini.

Nessuno a questo mondo nasce con l’abilità di (capire e) scrivere immediatamente (e bene) ciò di cui ha bisogno una determinata platea di lettori.

Soprattutto in quei casi in cui è necessario applicare particolari strategie di marketing digitale. Scrivere per il web comporta ulteriori paletti e considerazioni.

Ho iniziato a cercare la risposta sul web, finché non ho incrociato un interessantissimo articolo di Ludovica De Luca su quanto costa un copywriter.

Ludovica spiega qual è stato il suo percorso per arrivare a stabilire un prezzo ai suoi lavori di copywriting.

Dopo essersi scontrata anche lei con l’assenza di un tariffario del copywriter standard, l’unico modo per rispondere alla domanda “quanto costa un copywriter” è quello di stabilire da sé una tariffa.

Ludovica ha ragionato in questo modo.

  • Quali sono le voci di costo che devo considerare nel mio tariffario da copywriter?
  • Quali sono le caratteristiche che aggiungono valore al mio servizio?
  • Come valutare le ore di lavoro spese per stimare un costo orario del copywriter?

In particolare si è focalizzata su questi 4 punti:

  1. il valore del percorso di studi
  2. il valore dell’esperienza come copywriter
  3. l’importanza di un preventivo chiaro e intellegibile in ogni sua voce
  4. offrire supporto e dialogare con il cliente, comprendere le sue necessità e prevedere tutti gli interventi che desidera.

Tariffario del copywriter: quanto costa a un’azienda?

Sono completamente d’accordo con Ludovica.

È inutile rincorrere il mercato.

È inutile scrivere un tariffario del copywriter se poi ogni azienda e ogni progetto ha una sua particolare peculiarità.

Al di là di tutti i ragionamenti, resta molto complesso definire un costo preciso e standard per un copywriter.

È come se Leonardo da Vinci fosse andato in giro per le corti più prestigiose d’Italia e d’Europa mostrando il proprio tariffario a sovrani e mecenati.

Probabilmente sarebbe morto più ricco di quanto si dice!

Non posso dirti quanto costerà effettivamente un servizio di copywriting per il tuo sito web o per la tua landing page o per la gestione del blog o dei canali social o per la scrittura di un’inserzione.

Dovrei conoscere la tua attività e le specifiche del tuo progetto.

Quel che è certo è che quando un’azienda seleziona un copywriter e valuta il suo preventivo, deve considerare i 4 fattori visti sopra:

  • gli studi
  • l’esperienza
  • la chiarezza nel preventivo
  • la capacità d’ascolto

Senza dimenticare che a fare la differenza è anche il rapporto umano. Ogni copywriter ha uno stile di scrittura proprio. Si è formato seguendo “scuole” o forme di pensiero diverse. Approccia alle problematiche con il suo univoco senso critico (e pensiero laterale).

Difficilmente troverai due copywriter che scrivono nello stesso identico modo. A meno che uno non copi i lavori dell’altro!

Perciò a fare la differenza sarà l’approccio empatico alle necessità del tuo brand, della tua impresa o della tua azienda.


Grazie per aver letto il mio articolo sul tariffario del copywriter. Non credo di aver dato una risposta su quanto costa un servizio di copywriting. Ma sono sicuro che ora saprai come valutare un lavoro di scrittura per la vendita.

Hai qualche altra considerazione da aggiungere? Parliamone!
Puoi commentare l’articolo qui sotto oppure scrivermi su LinkedIn o Facebook. Hai bisogno di servizi di scrittura per la tua azienda? Contattarmi su questa pagina.

Ti auguro una buona giornata!

Lascia un commento

Stai dimenticando qualcosa?

Guida pratica al Blog Aziendale importanza articolo blog

Scarica GRATIS l’ebook Guida Pratica al Blog Aziendale!
Inserisci la tua email qui sotto per riceverlo subito.